Home
Navigator IT
Panoramica

Wanderwoche Wanderwochen auf der Insel Ischia

Praktikant gesucht

Hotel auf der Insel Ischia suchen ...

Home
Navigator DE
Überblick
Foto del Giorno In breve Proposta del giorno   Bild des Tages Kurz Info Tipp des Tages
Ricerca sull'Isola d'Ischia Ricerca su Ischia

Pagine più viste

I comuni dell'Isola d'Ischia I Comuni di Ischia

Barano
Casamicciola Terme
Forio
Ischia Porto/Ponte
Lacco Ameno
Serrara Fontana

Spostarsi sull'Isola d'Ischia Spostarsi ad Ischia

Bus di linea
Aliscafi
Traghetti
Alibus

Salute ad Ischia Salute ad Ischia

Balneoterapia
Fangoterapia

Trattamenti di bellezza sull'Isola d'Ischia Bellezza ad Ischia

Beauty
Wellness

Le terme dell'Isola d'Ischia Terme di Ischia

Acque termali
Parchi termali
ASL / INPS

Contatto con Ischia Contatto
Libro Ospiti
Contatto
 
Altre informazioni sull'Isola d'Ischia Altro
Invia ad un amico
Inserisci nei Favoriti
 
Facebook

Pithecusa mi piace



 

 

  
Tema
: Cellai I film girati ad Ischia


Cellai
 
        Le case di pietra ad Ischia a cura 
dell'Architetto Silvano Arcamone
 
   
 

Concentrazione delle case

    Le case di pietra ad Ischia sono presenti in notevole numero e distribuite sull’intero territorio, anche se particolarmente concentrate nell’area occidentale dell’isola. Esse sono caratterizzate da abitazioni, cellai e annessi agricoli letteralmente scavati nei massi tufacei, che sono rotolati lungo le pendici delle montagne ischitane.
 
 
 

Le origini

Cappadocia

Architettura rupestre 

 
    Sulle origini di questa particolare architettura ricavata dal tufo sono state formulate diverse ipotesi, noi sosteniamo che sono giunte fino ad Ischia dalla Cappadocia attraverso gli insediamenti monacensi della Gravina di Massafra. La tradizione architettonica è stata prima portata dai monaci di Basilio il Grande, dalla Cappadocia alla Puglia, e successivamente dagli abitanti di Matera fino all'Isola d'Ischia. Se questo è stato il percorso, la tradizione giunge ad Ischia liberandosi della sua componente rappresentativa, mostrata nei dipinti interni alle abitazioni e nella cura messa nei particolari che rendevano le cattedrali della Cappadocia per nulla debitrici verso le sorelle costruite in muratura portante. Ischia ha conosciuto un’architettura rupestre, prevalentemente dedita alle risposte degli agricoltori locali senza nulla concedere all'aspetto rappresentativo.
 
 
 

La diffusione

    La diffusione copiosa di quest’architettura de-costruita si ha soprattutto verso la metà del secolo XVII, quando la peste scoppiata nel paese di Forio costrinse gli abitanti a rifugiarsi alle pendici della montagna ed a ricostruirsi ambienti per abitare e lavorare. La scelta di decostruire piuttosto che costruire abitazioni, cellai e quant’altro servisse alla loro bisogna, fu dettata dall’opportunità di sfruttare i massi sparsi sull’intero territorio foriano. Piuttosto che spaccare i massi per ricavarci le pietre, i contadini trovarono più opportuno scavare e modellare i massi già presenti sul territorio. Il lavoro di scavo e modellazione era eseguito soprattutto durante il periodo invernale, quando le condizioni meteorologiche costringevano i contadini al riparo.
 
 
 

Tipologie architettoniche

    L’architettura rupestre giunta a noi presenta diverse tipologie, con elementi tecnologici d’alto ingegno per i costruttori del tempo. Tra le tipologie più diffuse annoveriamo l’abitazione, il cellaio, la stalla, i palmenti, le cisterne ed i rifugi temporanei. Le abitazioni, che si presentavano anche a più piani, rispondevano ad i criteri distributivi tipici della casa rurale: con il piano terra adibito a cucina e zona giorno ed il piano superiore adibito a zona notte. I collegamenti tra i piani erano assicurati da una scala esterna rigorosamente scavata nel masso tufaceo. Alla base dell’esecuzione di un’abitazione rupestre vi era un disegno progettuale ben preciso, concepito da uomini che avevano una grande conoscenza dei fenomeni naturali generati dal sole, dal vento e dalla pioggia. Tutto rispondeva al corretto utilizzo di questi fenomeni: le aperture erano allineate secondo i venti estivi predominanti, assicurando una giusta ventilazione all’interno dei massi interessati dal notevole irraggiamento solare; la dimensione delle aperture era studiata in funzione dell’esposizione al sole e della particolare destinazione d’illuminazione o affaccio della finestra; la canalizzazione delle acque era realizzata con particolari sistemi di canaline scavate nella roccia che creavano percorsi per l’acqua piovana che in questo modo era incanalata in cisterne spesso predisposte al di sotto del masso-abitazione.
 
 
 

Le case scavate nella pietra oggigiorno

    Oggi le case scavate nella pietra non hanno più una funzione specifica, la maggior parte sono state abbandonate, anche se la loro presenza sul territorio continua a narrare di una storia importante dell’Isola d’Ischia.    
           

 

 

Autori: Email Dott. Geologo Aniello Di Iorio ed Email Ing.: Christine Ryll. Aggiornato il: 24. Juni 2012

Veda anche ...     Isola d'Ischia. Castello Aragonese
Isola d'Ischia. Acqua termale Cellai
I film girati ad Ischia
Orario apertura negozi sull'Isola d'Ischia
Varie
   

Come giudica questa pagina!
Buona
5 4 3 2 1
Scadente

Suchen auf die Insel Ischia Suchen auf Ischia

Beliebte Seiten

Die Gemeinden der Insel Ischia Die Gemeinden

Barano
Casamicciola Terme
Forio
Ischia Porto/Ponte
Lacco Ameno
Serrara Fontana

Nahverkehr auf der Insel Ischia Nahverkehr

Linienbus
Schnellboote
Fähre
Flughafenbus

Gesund werden auf der Insel Ischia Gesundheit

Balneotherapie
Fangotherapie

Schönheitbehandlungen auf der Insel Ischia Schönheit

Beauty
Wellness

Thermalwasser der Insel Ischia Thermen

Thermalwasser
Thermalgärten
Krankenkasse

Kontakte auf der Insel Ischia Kontakt
Gästebuch
Kontakt
Impressum
Sonstiges auf der Insel Ischia Sonstiges auf Ischia
Website empfehlen
Pithecusa als Favorit
 
 
 
 
Facebook

Pithecusa gefällt mir

 

 

  Home Navigator

  Navigator Home 

 

Copyright © 2000 - 2012 www.pithecusa.com  Email Dipl. Geologe Aniello Di Iorio, Update: 20. Dezember 2013